Everything in it’s right place

Oggi è stata una giornata piena di tante piccole cose. Mi sono svegliato presto, sono rimasto a letto per un po, in uno stato di dormi veglia piacevole. Colazione in terrazza, frutta fresca, caffè e succo di frutta. Sono uscito, era tanto, ma davvero tanto che non andavo in centro di sabato forse qualche anno.

Ho passeggiato, ho comprato qualcosa per qualcuno e dei libri per me. Con calma senza fretta, passeggiando e godendomi il mio tempo. Rientro a casa e pranzo in terrazza con gli avanzi di ieri sera, riso basmati, gamberi e verdure, caffè sulla sdraio. Piscina per 3 ore leggendo un romanzo e stasera ho suonato a Lucca in piazza. Tutto sembra al proprio posto, ho capito quante cose sono cambiate in un anno. Ho capito quanto sono cambiato in un anno.

Ho capito di essere molto forte, più di quello che credevo, ho capito che ho dentro di me delle cose bellissime che sono li e nessuno può portarmele via, sono mie ed al momento giusto, con la persona giusta escono, magicamente. Ho capito quello che non voglio, incontrandolo, affrontandolo e lasciandolo andare. Ho capito che semplicemente alcune relazioni funzionano, ed altre no, non ci sono alchimie per farle funzionare, se non funzionano c’è una ragione e non dipende da nessuno, ci sono compatibilità ed incompatibilità. Ho capito che sono in grado di amare, profondamente e di farmi amare, forse proprio perchè sono arrivato a questa consapevolezza di me.

Ho curato tante relazioni in questo anno, di amicizia, di famiglia, di amore e da ciascuna ho avuto cose belle in ritorno. L’obbiettivo della mia psicoterapia era migliorare le mie relazioni a 360 gradi e devo dire che i risultati dopo un anno, mi iniziano a soddisfare. Non ho paura di vivere, rischiare, osare, lasciar andare e tutto quell’ingombrante fardello del passato si è sgretolato gradualmente integrandosi nella mia vita.

Oggi è una giornata importante dove pensieri belli, realtà concrete, fanno capolino nella mia vita, dove sono felice di essere come sono, dove sono, e della situazione attuale. Sono felice delle persone che sono entrate nella mia vita, di quelle che ne sono uscite, di quelle che sono semplicemente rimaste, sono felice della mia capacità di analisi, di ricostruzione e di cambiamento. Per oggi tutto mi sembra al suo giusto posto.

 

Uscire dal copione ( I wish i had the blues again)

19894924_1100353806764298_4040770421369091443_n

Ieri ho letto un articolo su Internazionale che parlava di come in ogni situazione della nostra vita ci comportiamo secondo un copione. Ebbene sembra sia stata fatta una ricerca che racconta di come reagire in maniera inaspettata ad una situazione codificata porti effetti quasi sempre positivi, si scopre spesso che rotto il copione la gente sappia essere molto più generosa ed empatica di quello che il copione prevede.

Ed ho riflettuto a lungo su questa cosa, di come passiamo accanto ad universi paralleli seguendo un copione di comportamento e di tragitto, e non alziamo gli occhi fuori dal nostro percorso. E ieri sera, tornando da Milano nel tragitto finale in macchina da Firenze a Pisa ho trovato una notifica di 8km di coda a Montopoli, ho pensato ed in un secondo sono uscito ad Empoli per fermarmi a cenare da qualche parte.

Sono uscito dal mio tragitto dal mio copione, ed ho visto un mondo dove la vita scorreva ed era una vita che per anni io ho ignorato, passando nel mio copione. Adesso questa è una cosa piccola, ma io il copione l’ho rotto diverse volte quest’anno, lo rompero’ anche nei prossimi giorni, e non ho paura di farlo, forse il senso della vita sta tutto nel riuscire a rompere il copione che le consuetudini, le regole ipocrite sociali ci impongono.

Io desidero aprirmi, anche al di la di quello che prevedono stupidi schemi sociali, ho protetto non con muri ma con consapevolezza il mio giardino segreto, so che nessuno può realmente danneggiarlo se non io, e io non lo farò.

Questo è l’articolo, spezziamo la routine che ci incatena in un anfratto piccolo delle nostre vite.

Una volta uscite dai loro copioni autodifensivi, quasi tutte le persone si dimostrano abbastanza empatiche e generose. Anche se lo so, non riesco a capire perché.

Tutti gli incontri dipendono, in parte, dal fatto che tutti seguono un copione condiviso anche se non scritto

https://www.internazionale.it/opinione/oliver-burkeman/2017/07/11/spezzare-routine

On Air lascio una canzone bellissima suonata da me in trio qualche anno fa. E’ di Alec Wilder vero padre della canzone popolare americana, raffinato, colto, mai banale nelle armonie. I wish i had the blues again, un desiderio di tornare alla bluitudine che è nostalgia di infinito, casa ed amore. Quella notte andammo fuori dal nostro copione, non avevamo mai suonato con il batterista, ci siamo solo ascoltati e fidati e siamo andati fuori dal copione.

On Air I wish i had the blues again live in pescia 2009

Look for the silver lining

clouds-silver-lining

Look for the silver lining
Whenever a cloud appears in the blue
Remember, somewhere the sun is shining
And so the right thing to do is make it shine for you

A heart full of joy and gladness
Will always banish sadness and strife
So always look for the silver lining
And try to find the sunny side of life

A heart full of joy and gladness
Will always banish sadness and strife
So always look for the silver lining
And try to find the sunny side of life

E niente, oggi va così mi sono svegliato con questa in testa. Magnifico Chet, io la suono così, piano in punta di dita.

Here’s that rainy day (ballata di una stagione incompiuta)

54292445_fa4f69b6d5

Le fiamme possono ardere il violino
Ma non sfiorano crome e semicrome

(Nasos Vaghenas Ballata di una stagione oscura)

Esiste sempre un momento in cui si incappa in qualcosa di inaspettato, di non previsto, cosi’ nella musica quando si è curiosi, si ascolta e si riesce a trovare materiale inedito, si riesce spesso ad ascoltare qualcosa di magico. 

Stamane ho preso dalla discoteca una manciata di dischi a caso, alcuni inediti che non avevo mai ascoltato, vengo attratto da un solo di Gonzalo Rubalcaba, pianista cubano di grandi doti tecniche, non so bene cosa aspettarmi, metto il cd e vengo proiettato in un mondo incredibile, pause lunghissime, sospensioni magnetiche, alcune note sono incredibili, una semplicità ed un controllo del suono che hanno dell’incredibile, mi stropiccio gli occhi, non riesco a credere di poter sentire una bellezza così  potente, una interpretazione così  pr ofonda, sentita mai compiaciuta.

E devo riascoltarla subito perche’ ci sono troppe cose dentro che mi hanno stupito, e la trovo sicuramente l’interpretazione piu’ bella di questa ballad. Se potessi esprimere un desiderio, vorrei essere capace di suonare così almeno una volta nella vita.

I bassi discreti, i medi corposi e gli acuti taglienti, una registrazione semplice dal pubblico, eppure il suono e’ meraviglioso, e’ tutto dove deve essere ogni nota ha un suo senso, io potrei impazzire per quello che succede intorno alla fine del secondo minuto, per quello che sta venendo fuori e come riprende l’esposizione dell’improvvisazione, sono in estasi, la riascolto per tutto il giorno e mi torna in mente in continuazione, e’ un ascolto che diventa sempre piu’ bello man mano che ci si lascia pervadere dalla bellezza.

Aperture di una dolcezza non umana, poi cluster di note buie

Ballata oscura eppure luminosa.

On Air Gonzalo Rubalcaba Lucerna 2000 Here’s that rainy day

Ain’t got nothing but the blues

Proprio in quel tempo Drogo si accorse come gli uomini, per quanto possano volersi bene, rimangono sempre lontani; che se uno soffre il dolore è completamente suo, nessun altro può prenderne su di sé una minima parte; che se uno soffre, gli altri per questo non sentono male, anche se l’amore è grande, e questo provoca la solitudine della vita.

__ Dino Buzzati – “Il deserto dei Tartari” __

E io mi sono illuso tante volte che si potesse condividere qualcosa. Anche questo blog era un tentativo di condivisione. Forse la verità è che bisogna davvero rassegnarsi a questa solitudine della vita. Ci proviamo in tutti i modi, e ancora di più in questa epoca dove ci tocchiamo e fuggiamo, una mail, un messaggio, le persone si consumano come prodotti tanto si fa una prova, senza rispetto, senza dignità prima per se stessi.

C’è che sono un po stanco, se la vita è solitudine che sia veramente tale, senza tutto il baccano che mi tocca sopportare, e forse davvero finirà in questo modo, provo un grande senso di schifo e di blues.

 

Match Point

match-point-2

Chi disse “Preferisco avere fortuna che talento” percepì l’essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia tutto così fuori controllo. A volte in una partita la palla colpisce il nastro e per un attimo può andare oltre, o tornare indietro. Con un po’ di fortuna va oltre. E allora si vince. Oppure no, e allora si perde. [Match Point – Woody Allen]

Non so davvero cosa potrei aggiungere, ci piace pensare che quello che capita sia il frutto delle nostre scelte, del nostro coraggio, del nostro desiderio.

Alla fine le cose vanno un po come cazzo devono andare, e quella pallina rimane in bilico sul nastro per una frazione di secondo, la differenza tra vincere e perdere, tra vita e morte, tra amore e disperazione, tra successo e fallimento è in quella frazione di secondo.

 

Accordi e disaccordi (Aspettative)

Ci ho messo 45 anni ad essere soddisfatto di come suono. Ho imparato ad usare i silenzi, le aperture, scegliere con cura, ma spontaneità i voicings.
I voicings sono le parole, lo stesso accordo (concetto) può essere espresso con voicings diversi. Ecco i voicings rendono riconoscibile un pianista. Fra un sol minore 9 bemolle di herbie hancock e lo stesso accordo di keith jarrett passa una differenza enorme che li rende immediatamente riconoscibili.
Tanto più forte è la personalità di un pianista tanto più i suoi voicings sono riconoscibili subito. Tra quelli più riconoscibili quelli di Bill Evans, unici, inimitabili ed irripetibili.

Per usare una metafora linguistica i voicings sono i sinonimi che rappresentano un’accordo, la potenza espressiva dipende da quali sinonimi si utilizzano.

E le sostituzioni, le sostituzioni sono un’altra meraviglia, nell’armonia un accordo può essere sostituito da un’altro che fa la stessa funzione. Se potessi usare una metafora, gli accordi si susseguono perchè le note attirano altre note, il bemolle cade indietro di mezzo tono, il diesis cade in avanti di mezzo tono, ed ogni nota cerca il suo equilibrio.

Anche le sostituzioni caratterizzano il modo di suonare, si puo’ scegliere di lasciare tensione, e non far risolvere quelle note come il nostro archetipo interiore farebbe. E’ incredibile come abbiamo dentro di noi scritte a fuoco le note. Dopo una nota ce ne aspettiamo un’altra ed è questo il segreto delle canzoni orecchiabili, semplicemente fanno leva su questo linguaggio di base.

Per usare ancora una metafora linguistica le sostituzioni sono assai diverse dai sinonimi sono proprio parole diverse che esprimono concetti simili.

Guardate questo video in cui BobbyMcferrin dimostra nel suo modo semplice come ci aspettiamo una nota dopo un’altra, in questo caso sulla scala pentatonica che sembra essere la base di tutta la musica del mondo.

Io amo la musica perchè è una metafora profonda della vita, le aspettative le abbiamo, costruite dalle regole sociali, ci aspettiamo delle cose, a livello conscio o inconscio, la bravura è nel saperle vedere, guidare, osare con sostituzioni ardite e costruire la propria cifra con i voicings adatti.

Se sono riuscito a farlo nella musica, posso e sto provando a farlo nella vita. I miei voicings, le mie sostituzioni, le giuste tensioni per evitare le strade più battute.

La meraviglia di questo video è che dimostra con semplicità come le aspettative siano primitive e regolino il nostro pensiero. Dedicatevi 3 minuti, vedrete le cose da un’altra prospettiva.

Este seu olhar

In un campo
io sono l’assenza
di campo.
Questo è
sempre opportuno.
Dovunque sono
io sono ciò che manca.

Quando cammino
divido l’aria
e sempre
l’aria si fa avanti
per riempire gli spazi
che il mio corpo occupava.

Tutti abbiamo delle ragioni
per muoverci
io mi muovo
per tenere assieme le cose.

Mark Strand – “Tenendo le cose assieme”

Tutti abbiamo delle buone ragioni per muoverci, ed alla fine anche io credo di muovermi per tenere le cose assieme, anche quelle che non riescono a starci.

Procedo per piccoli step, e piccoli tentativi, esperienze si direbbe, sono veloce, osservo passo sulle cose e se sento disarmonia o qualcosa che entra in conflitto con il mio modo di essere in maniera troppo forte, vado avanti.

Forse la conquista più grossa che ho fatto è la consapevolezza che esistono modi di vedere la vita e di rapportarsi con le persone che sono profondamente incompatibili con il mio, ci sono valori di base su cui non sono disposto a trattare. Il mio mondo è fatto di tolleranza, di accoglienza, di curiosità, di tentativo di comprendere anche l’incomprensibile e quando ci si trova davanti a imperativi categorici, certezze, e volontà di cambiare e non accogliere, lascio perdere.

Qualche volta ho lo sguardo del flaneur, osservo il paesaggio e le cose, con il gusto di osservarle senza giudicarle. Mi sono un po rotto le palle del mio mondo perbene, di quel mondo plastificato che devo affrontare di giorno, mi sento più a mio agio di notte, nel silenzio, tra i musicisti, con le persone vere che sanno ascoltare e hanno qualcosa da dire, senza banalità. Amo gli idealisti, quelli che sposano le idee, i progetti, quelli che fanno scelte apparentemente assurde anche contro il proprio interesse particolare. Ce ne sono tanti, e amo quelli che non mettono sempre prima se stessi, che riescono a guardare alle cose da un punto di vista più alto, e scoprono il valore delle piccole cose.

Amo le persone che sanno entrare in empatia, che hanno sofferto e quel dolore lo hanno utilizzato per comprendere il dolore degli altri, anche di queste ce ne sono.

Amo la musica perchè riesce ad entrare dentro e mettere in comunicazione le persone anche di culture diverse, anche senza parlare la stessa lingua. La magia che si scatena suonando, è la stessa magia che si scatena a volte quando si incontra qualcosa di inatteso e speciale.

Non mi sta sulle scatole l’amore romantico, basta essere consapevoli che è sopravvalutato, e che bisogna viverlo per quello che è. Come dire, è bello avere la capacità di emozionarsi rimanendo però consapevoli della finitudine delle cose, del tempo, dell’amore, della vita. La finitudine del tempo e delle cose è un concetto che pretende di onorare il presente.

Non sopporto le persone che non sanno guardare oltre le apparenze, non sopporto chi non vede l’anima dietro un corpo, quelli che devono mascherarsi. La bellezza non dipende dall’apparenza, la bellezza dipende dal proprio rapporto con se stessi e con gli altri, non è un vestito e amo le persone pazienti che sanno aspettare e non sono mai aggressive.  Adoro le persone che sanno ringraziare anche per una cosa piccola, consapevoli che non ci sono cose scontate.

Io sono così e non mi dispiace esserlo, ho capito quello che mi piace, quello che mi attrae e quello che mi respinge in una persona, sono tante piccole cose, scale di valori, capacità di vibrare per simpatica come le corde. Mi ha sempre affascinato il concetto di vibrazione per simpatia, che alla fine le nostre anime sono delle corde e quando trovano anime affini, vibrano semplicemente per simpatia, perchè la vibrazione dell’anima è contagiosa. Non sono tante le persone che sanno vibrare davvero, senza desiderare nulla in cambio, solo perchè siamo umani .ed abbiamo questa meravigliosa capacità di emozionarci ed entrare in risonanza con un’altro essere umano.

Sognare, rimane la più grande capacità che abbiamo, sognare per uno sguardo, sognare per un qualcosa di bello. Finchè si riesce a sognare si è vivi.

PS Sofia Ribeiro, è una cantante portoghese, che amo, profondamente, semplice, profonda, anche solo con un basso riesce ad emozionare e riempire lo spazio. Il sogno di quello sguardo è tutto qui dentro.

 

Dos Gardenias

19621359_10213459104061894_6436107594402743367_o

Questa è la chiesa che sogno spesso, ovvero dove ti sogno spesso. E’ strano, non ci sono ricordi particolari legati a questo luogo, eppure ho sognato spesso che ci trovassimo qui nei dintorni, tu di spalle, io rinchiuso in una casa di vetro, simbolismi chiari, che poi non bisogna nemmeno fare tanto fatica per interpretarli sti sogni. Parlano eccome se parlano chiaro e forte.

Oggi ho passeggiato, auricolari, musica a palla, occhiali da sole, sguardo basso, non volevo vedere nessuno, ascoltare niente volevo isolarmi dal mondo. Per un paio di ore ci sono anche riuscito, l’aria è fresca stranamente fresca ricorda settembre e questo peggiora le cose, l’autunno è l’autunno.

Sono tornato a casa e mi sono messo a suonare, le sensazioni non cambiano molto, mi sento profondamente solo, anche se vedo un sacco di gente e faccio un sacco di cose. C’è sempre un buco enorme dentro di me e non riesco a capire come colmarlo.

Dos gardenias para ti
Con ellas quiero decir
Te quiero, te adoro, mi vida
Ponle todas tu atención
Que serán tu corazón y el mio

Dos gardenias para ti
Que tendrán todo el calor de un beso
De esos besos que te di
Y que jamas te encontrarán
En el calor de otro querer

A tu lado vivirán y te hablarán
Como cuando estás conmigo
Y hasta creerán
Que te dirán te quiero.

Pero si un atardecer
Las gardenias de mi amor se mueren
Es porque han adivinado
Que tu amor me ha atraicionado
Porque existe otro querer

A tu lado vivirán y se hablarán
Como cuando estás conmigo
Y hasta creerán
Que te dirán te quiero.

Pero si un atardecer
Las gardenias de mi amor se mueren
Es porque han adivinado
Que tu amor me ha atraicionado
Porque existe otro querer

Es porque han adivinado
Que tu amor me ha atraicionado
Porque existe otro querer

On Air Dos Gardenias, altro bolero bellissimo e antico, di Isolina Carrillo.