So in love

 

2016-08-18 21.22.59Questa terrazzina di questa casa, è uno di quegli spazi che raccontano come mi sento. L’ho acquisita, acquistando la restante parte del primo piano nel 2001, l’ho molto vissuta nei primi anni, poi negli ultimi 10 anni l’avevo completamente abbandonata, non avevo un tavolo, niente sedie, e viveva nell’incuria più totale.

Lo scorso anno, nello sforzo di prendermi cura di me e degli spazi intorno a me, l’ho rimessa in funzione ed ho acquistato un bellissimo spazio vitale dove stare le sere d’estate. A cenare, a bere un caffè sedendo sulla sdraio, a scrivere al pc, a pensare, a guardare le stelle, ad osservare le luci ed i profili delle vite nei palazzi di fronte.

Sono sensazioni strane quelle che provo, c’è del benessere e c’e’ del malessere, è tutto misto e tutto insieme, le luci nei palazzi di fronte, qualche candela, gli alberi, il vento, le stelle, un po di musica, forse il whisky che mi ritorna su e mi fa diventare letterario, chissà, sta di fatto che mi ritrovo come stasera a stare fuori ed essere sommerso da strane sensazioni. Passerà tutto questo?

2016-07-27 22.22.31

PS Fred hersch è uno dei miei pianisti preferiti, profondo, lirico, doloroso, intimo, scava nell’anima. E cole porter è sempre immenso, e questo brano uno dei più immensi mai composti.

10 thoughts on “So in love

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...