L’estetica della semplicità

african_sunset_by_deadmatt2052-d5dr647

Avevo parlato di estetica dell’imperfezione, di estetica della perfezione, qui si parla di estetica della semplicità. Possono un basso africano ed un visionario della voce jazz, creare bellezza con semplicità. La voce di Richard Bona è ancestrale, pianure africane, il basso suonato come una Kora del Mali, e la voce di Bobby McFerrin a disegnare panorami sonori.

Ecco questa è l’estetica della semplicità, niente effetti speciali, vera ossatura della musica, improvvisata, sentita, etnica e del cuore.

Oggi va così, la bellezza spesso è racchiusa nella semplicità. Anche se le cose semplici spesso sono terribilmente complesse e la bravura dei grandi è rendere semplici le cose complesse.

Buona notte

2 thoughts on “L’estetica della semplicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...