Che bene che ci sei

20170422_154755

Muro vicino Piazza Carrara Pisa – 20 Aprile

Ci sono cose che sembrano inevitabili. Credo questa sia una delle poesie più belle che abbia mai letto, anche la traduzione è un piccolo capolavoro.

E’ un destino del mio essere
ed allora la felicità del mio dentro
è più forte di me, delle mie ossa,
che le stridi in un abbraccio
sempre doloroso, meraviglioso sempre.
Chiaccheriamo, parliamo, diciamo parole,
lunghe, lucenti, come degli scalpelli che separano
il fiume freddo nel delta fervente,
il giorno dalla notte, il basalto, dal basalto.
Portami, felicità, in sù, e sbattimi
la tempia sulle stelle, fin quando
il mio mondo allungato e infinito
diventa colonna o un’ altra cosa
molto più alto e molto più presto.
Che bene che ci sei, che meraviglia che ci sono!
Due canzoni diverse, colpendosi, mescolandosi,
due colori che non si sono mai visti,
uno molto di basso, voltato verso la terra,
uno molto di sù, quasi rotto,
nella tremante, insolita lotta
della meraviglia che ci sei, del destino che ci sono.

Nichita Stanescu

3 thoughts on “Che bene che ci sei

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...