Cause we’ve ended as lovers (solitudini)

Io rifletto sulle solitudini, perenni e forse impenetrabili che dominano le nostre vite, e forse davvero occorre trattare bene la nostra ed altrui solitudine.

Forse sono stato iperstimolato dal film che ho visto ieri sera tardi al cinema, Manchester by the sea.

Ci sono ferite per cui non si può voltare pagina, e diffido dei rimedi zen, trova la forza, tira fuori le palle, etc…

Ci sono ferite garbate, dolori che impediscono di amare, che impediscono di voltare pagina, che hanno bisogno del loro fottuto tempo e basta, se mai lo avranno un loro tempo.

E mi sono arreso per il rancore che mi viene portato per il torto che ho subito.

Stanotte ho sognato, mi sono accorto che era un sogno, troppo bello e mi sono svegliato piangendo e gridando, perchè non volevo sognare quel bel sogno.

Quando non dovete avere pretese, essere garbati, non è una storia d’amore.

17264244_10154365167023015_8138548302352732406_n

Franco Arminio

Il brano è bellissimo ed abbastanza sconosciuto di Stevie Wonder, lo ha portato al successo Jeff Beck con la sua inconfondibile chitarra. Qui una versione notturna di ieri, sono tornato a casa, le immagini aperte, il dolore di quel film, il sogno spezzato, una tristezza diffusa e generale mi popola, avevo bisogno di farla fluire da qualche parte.

 

 

 

10 thoughts on “Cause we’ve ended as lovers (solitudini)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...