La dolcezza e il tormento Monteverdi

chagalleden

Marc Chagall Eden

Monteverdi è uno che di bellezza se ne intende. Forse è uno dei padri della tradizione musicale italiana e ancora molta musica che si scrive, viene da quelle sue intuizioni geniali.

Genio, ostacolato, direi che tutti siamo figli di Monteverdi, che lo sappiamo o no. Il suo gene musicale ci ha fecondati e viviamo della risonanza di quella sua bellezza suprema. Come tutti i grandi compositori, sapeva che musica e parole devono comunicare, devono essere in simbiosi. Al solito alternanza di accordi maggiori e minori genera un effetto di nostalgia potente e devastante.

Io adoro una composizione che viene dal sesto libro dei madrigali (1614) di una modernità impressionante. Ne esistono diverse versioni anche jazz (ascoltate quella di Uri Caine e Paolo Fresu , o di Fresu e Danilo Rea)
Divagando sono due pianisti che amo, perchè non conoscono etichette, suonano, suonano gonfio e denso, suonano nell’anima il pianoforte.

Si dolce è’l tormento
Ch’in seno mi sta,
Ch’io vivo contento
Per cruda beltà.
Nel ciel di bellezza
S’accreschi fierezza
Et manchi pietà:
Che sempre qual scoglio
All’onda d’orgoglio
Mia fede sarà.

La speme fallace
Rivolgam’ il piè.
Diletto ne pace
Non scendano a me.
E l’empia ch’adoro
Mi nieghi ristoro
Di buona mercè:
Tra doglia infinita,
Tra speme tradita
Vivrà la mia fè

Per foco e per gelo
riposo non hò.
Nel porto del cielo
riposo avrò.
Se colpo mortale
con rigido strale
Il cor m’impiagò,
cangiando mia sorte
Col dardo di morte
il cor sanerò.

Se fiamma d’amore
Già mai non sentì
Quel rigido core
Ch’il cor mi rapì,
Se nega pietate
La cruda beltate
Che l’alma invaghì:
Ben fia che dolente,
Pentita e languente
Sospirimi un dì.

1464818463

Musica e testo viaggiano su binari paralleli, riescono a raccontare la malinconia dolce di un amore non corrisposto. Dolcezza e Tormento, due lati della stessa medaglia. Già nel titolo del madrigale c’è del genio. Ed è la tristezza che non diventa rabbia, che non diventa odio, che rimane appunto tormento e si trasforma in tristezza dolce, tristezza d’amore, si dolce il tormento. Ci si perde nel paradiso del tormento ascoltando questo madrigale, e quante canzoni, ballate, venute dopo si sentono in queste note luminose. Siamo tutti figli di Monteverdi.

Lascio una mia versione

On Air: Si dolce il tormento

11 thoughts on “La dolcezza e il tormento Monteverdi

  1. Ti devo ringraziare. E’ poesia in musica. Ho ascoltato la versione di Fresu e Rea, quella di Beasley e la tua. Ascoltando la tua versione si capisce il tuo trasporto verso questo componimento. E’ vero. Siamo un po’ tutti figli di Monteverdi. Abbiamo provato tutti prima o poi questa dolcezza del tormento di amare rischiando spesso perché nell’amore vero c’è anche il rischio.
    fuori tema: come è andata la giornata romana?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...