Quello che ho imparato dell’amore

chagall3

Chagall – 2 Piccioni 1925

Ho imparato che l’amore è lavoro duro, non solo emozione.
L’amore è accettazione di se stessi. Dare per essere accettati è un errore terribile. Non si merita amore solo se si da sempre di più, l’amore si nutre solo di reciprocità.
L’amore non è stabile, è instabile come quei meravigliosi mosaici tibetani, in cui appena muovi la pedina sbagliata viene giù tutto il mandala.
L’amore è tempo, il tempo dell’amore deve essere sincrono, le melodie più belle suonate dai musicisti migliori se non sono a tempo, non produrranno un risultato armonico.
Il tempo è fondamentale che sia sincronizzato con se stessi e con l’altro.
Ho imparato che improvvisare è meglio che pianificare, e il passato è meglio tenerlo fuori per quanto possibile.
Il problema non è la fiducia nell’altro ma in se stessi.
Non ci sono cose giuste e cose sbagliate, l’amore esiste e resiste se è stato fortificato a sufficienza, comunicando.
L’amore è coraggio di parlare, di raccontare i propri demoni e mentre si raccontano farli diventare meno importanti.
In due le cose si superano meglio che da soli. Chiedere aiuto non è un ammissione di debolezza, ma di coraggio.
L’amore è anche testa, un sacco di baggianate romantiche sopravvalutano il cuore. Il cuore non esiste, è il cervello che si emoziona e trasmette i suoi messaggi impazziti.
L’amore non ha forma, e non ha qualità universali. Ogni storia è un capitolo a se, percheè le variabili in gioco sono diverse, tu non sei uguale e la persona che hai davanti non è uguale.
L’amore non teme i cambiamenti, come diceva il supremo Shakespeare (Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l’altro si allontana…)
L’amore non teme i difetti, ma forse ama quelli di più, una persona è come è proprio per quella storia. E questa è una grande lezione per me, se sono come sono è perchè ho questa storia complessa alle spalle, tu sei così perchè la tua storia ti ha fatta diventare così. Ed alla fine non cambierei un pezzettino, compreso questo silenzio.
L’amore è un dono, raro, va vissuto in pieno ogni secondo. Vissuto in pieno non è un imperativo assoluto nelle modalità, ognuno ha le sue modalità.
L’amore è vicinanza mentale, la presenza fisica non è così importante, si può stare vicini tutti i giorni ed essere due estranei. Si puo’ stare lontani fisicamente ed avere sintonia completa.
L’amore è equilibrio nel disequilibrio.
L’amore è un mistero, insondabile, motore vero del mondo, nascosto in mille forme, in mille rivoli.
L’amore è conoscenza di se stessi, prima di tutto.
L’amore viaggia su dimensioni spazio temporali che non rispondono alle leggi della fisica classica, è più vicino alla relatività. Il tempo si dilata, a volte si ferma, e lo spazio diventa completamente inutile.
L’amore è cambio di punti di vista, cercare di non dare alle cose, alle parole il significato che noi conosciamo, potrebbe non essere quello dell’altro.
L’amore è fatto di gesti semplici, non grandi, costanti e non ha bisogno di parole, anzi le parole lo uccidono, lo schiacciano sotto significati, aspettative.
L’amore sono piccoli particolari senza importanza per la maggior parte delle persone, che hanno un significato solo per quelli che sono in quella relazione.
L’amore sono i nostri occhi che si scambiavano l’anima nelle notti interminabili.
Ho imparato che non so nulla dell’amore se non il fatto che ti amo.

On Air: The Power of love, suonata qualche settimana fa.

 

39 thoughts on “Quello che ho imparato dell’amore

  1. Accettarsi prima di tutto, sono d’accordissimo, accettare se stessi e non amare per poter essere accettati. Una volta che ci si è accettati, si può parlare all’altro anche i propri demoni e così anche farli diventare meno importanti.
    ‘L’amore non ha forma, e non ha qualità universali. Ogni storia è un capitolo a sé, perché le variabili in gioco sono diverse, tu non sei uguale e la persona che hai davanti non è uguale.’ anche questo mi piace molto, Gli amori coincidono con la vita, scrivevo tempo fa, proprio in questo senso, ognuno con la vita di chi lo vive, o con quel pezzo di vita che dura per il tempo di quell’amore.
    L’amore è equilibrio nel disequilibrio, verissimo anche questo. e mi ritrovo molto anche in questo: ‘L’amore sono piccoli particolari senza importanza per la maggior parte delle persone, che hanno un significato solo per quelli che sono in quella relazione.
    https://intempestivoviandante.wordpress.com/2016/01/15/di-parole-e-di-cose/
    https://intempestivoviandante.wordpress.com/2016/01/28/lamore-in-movimento/
    Se hai voglia, in questi post parlavo anch’io della mia idea di amore (non ne parliamo forse tutti, a modo nostro, anche quando parliamo d’altro?)

    Liked by 1 persona

  2. A me sembra che tu sappia tutto quello che c’è da sapere….anche se è vero che non si impara mai abbastanza, ma sei davvero ad un alto livello di comprensione, bellissima riflessione, buon pomeriggio!

    Mi piace

  3. Davvero stupende le tue parole. Mi hanno aiutato a riflettere.
    Potrei dire senza esitare che io nella mia vita non ho imparato assolutamente nulla sull’amore. Mi innamoro di persone che non si vogliono innamorare e sicuramente non sono sincronizzate con me. Vorrei costruire con persone che nemmeno non un meccano riuscirebbero a costruire qualcosa. Dare sempre e non ricevere mai nulla ti demotiva. Mi innamoro di persone che non si aprono e tirano fuori il peggio da loro e da me. Non ho davvero imparato nulla sull’amore.

    Liked by 1 persona

    • E Stella felice se le mie parole ti han fatto riflettere. Alla fine sono parole, i fatti devono dimostrarle queste parole, ma certo queste sono cose importanti. L’equilibrio nel disequilibrio è fondamentale. E poi non solo dare ma anche saper ricevere che non è facile. Un abbraccio

      Mi piace

  4. Pingback: Quello che ho imparato dell’amore – ioinviaggio

    • Grazie bolgtrotterx per il passsaggio, felice di averti strappato una speranza sorridente è la stessa che voglio regalare a me. La prova che tutto l’amore che provo ed ho provato non diventi una forza distruttiva ma costruttiva , per una volta nella mia vita.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...