Qua e là

15874759_10211658646531581_3210720821689319872_o-1

Il primo giorno dell’anno sono stato solo. Un po per scelta, un po per costrizione. Mi sono svegliato tardi, ho avuto un pensiero premuroso inaspettato ed ho camminato, mi sono perso per la città, ho fatto piu’ di 15km a piedi.

Sensazioni contrastanti, sono nato modale, un po qui un po là. Essere sotto lo stesso cielo ma essere distanti milioni di anni luce, anche questo è possibile.

Musica nelle cuffie, la musica amplifica le sensazioni, nel bene e nel male. E’ come la solitudine di Leopardi, se stai bene stai benissimo, se stai male stai malissimo. La musica entra dove non vorresti entrare e scava tunnel, trova strade per arrivare al centro dell’anima. La stessa cosa che fanno alcune persone, non sai come e perchè entrano trovano la strada che anche tu avevi smarrito ed entrano ed arrivano in un qualche modo arcaico e primitivo dove non concedi nemmeno al tuo io razionale di arrivare.

Sono un po stanco di stare qua, vorrei stare là. Stanco di stare qua perche qua è dove sono sempre stato, ma sembra che là sia il luogo dove non potrò mai stare. Indefinito e definito, minore e maggiore, bemolle e diesis. Ma davvero è questo il mio destino? Nostalgia di infinito e confini stringenti.

Il tempo batte, io il tempo lo sento, la musica è tempo, pause, aspettare, anche se hai tanto da dire, c’è il tempo giusto per farlo. La frase giusta al momento sbagliato è sbagliata a meno che gli altri non siano clementi con te e riescano a far suonare giusta quella frase sbagliata. Nella musica capita, ci si allena tutta la vita per accogliere l’imprevisto, se qualcuno suona un accordo sbagliato, basta viverlo come un opportunità. Serve velocità, serve umiltà e serve intelligenza emotiva e musicale. Ho imparato che è più facile farlo nella musica che nella vita, nella vita, spesso anche con le migliori intenzioni del mondo, il tempo sbagliato segnerà indelebilmente un evento che di suo è giusto. Siamo imprigionati nello spazio, tempo apparentemente, eppure ci sono dimensioni alternative, qualcosa che vada al di là della follia dello spazio tempo lineare. Possiamo stare qua e là, anche se laggiù il miraggio sembra salvezza.

Qua è dove sono io. Ovunque sia
sarò sempre qua, dove mi vedi.
Questa casa, questi volti, questi oggetti
stancano perchè il qua stanca.
Qua viene sete di andarsene, sete di laggiù.
Ma laggiù è il luogo dove non potrò mai stare,
dove io sono impossibile. Ovunque vada
il là dove sarò diverrà qua
e io ci sarò ad aspettar me stesso
con in mano un mazzo di rose tutte uguali.
Là è il tuo qua.
Là sembra un grido perché è dove fa male.
Io voglio essere là dove tu stai,
e tu qua, o meglio: noi due laggiù, remoti, insieme
ché vivo è uguale a insieme.
Laggiù c’è l’amore che non c’è qua.
Quegli oggetti toccati dalle tue mani,
quello che pensi, dici, taci o sogni,
quei luoghi dove stai senza di me,
quello desidero, quello mi occorre.
Ed essere il tuo là, il tuo alito sospeso.
Laggiù è la salvezza, il miraggio
nato dalla sete di stare qua.
Laggiù saremmo felici per sempre
stretta la foglia e larga la via
laddove il tuo qua e il mio là si riunirebbero.
Laggiù è pioggia cadendo
su questo deserto inaridito.
Laggiù è il Paese di Bengodi, Eldorado, il non-plus-ultra.
Io sono qua, tu là, e noi due laggiù, ma quando?
Questo è pietra. Codesto è seta. Quello è mare.
Qua è focolare impossibile, intima assenza,
odiato domicilio, carcere di ogni giorno.
Là calore del tu, mia la tua vita,
tesoro della tua isola, aria d’amore.
Laggiù, dove non siamo, piove sulla vita
che non sarà mai nostra e che ci attende.

Juan Vicente Piqueras – Avverbi di luogo

48 thoughts on “Qua e là

  1. Qua e là.
    Anche a me piacerebbe essere “là” con chi, là ci è arrivato inspiegabilmente.
    Rapita totalmente da questo tuo scritto : bellissimo.
    Mi ci sono anche un pò sentita tirar dentro, se vogliamo.
    Il riferimento alla musica poi, ci stava veramente bene.
    Tutto molto bello.
    A presto! 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...